Certified

Si raccomanda l'uso della piattaforma Hech Romeo

Gli Impianti Ibridi o IP

IP per Smart TV Hotel e Monitor Signage

Un IMPIANTO IBRIDO RF/IP è la soluzione ottimale per non sovraccaricare la distribuzione di rete che molto spesso in una struttura deve supportare parecchie W-Lan oltre ai TV, Voip, Wi-Fi, Videosorveglianza e talvolta anche audio-diffusione.

Con la soluzione Ibrida tutti i flussi dei canali TV continuano a transitare sul Cavo d’antenna garantendo una maggiore qualità dei canali, evitando la doppia trasmodulazione che avverrebbe con l’uso del solo cavo IP sia in testa all’impianto che ad ogni TV HOTEL. Il cavo coassiale infatti supporta i più alti standard qualitativi come il 4k. Mentre il collegamento dei TV HOTEL al Server può avvenire attraverso cablaggio rete IP con W-Lan dedicata.

Nel caso non fosse possibile, per difficoltà architettoniche e carenze progettuali, avere il doppio cavo, o nel caso di monitors per DIGITAL SIGNAGE è necessario ottemperare ad alcuni importanti accorgimenti:

Per realizzare un impianto televisivo su rete IP è necessario utilizzare convertitori streamer (MUX) in grado di trasformare il segnale proveniente dalla parabola o dall’antenna terrestre in segnale IP.
Tutti i dispositivi attivi che compongono la rete ethernet devono supportare e gestire correttamente il protocollo MULTICAST (IGMP leasing, IGMP pooling, etc).

La rete ethernet, oltre che per il traffico IP normale (navigazione internet, scaricamento dati da server, Voip, posta elettronica, ecc.) dovrà essere dimensionata per supportare anche il bitrate massimo dei programmi che si sceglierà di distribuire. Nella progettazione di un impianto IP risulta quindi fondamentale collaborare con l’amministratore di rete, per verificare tutte le implicazioni.

INFO TECNICHE SERVER HECH ROMEO.GUIDE COLLEGATO IMPIANTO IP (Cat5e o superiore: NO WI-FI) SOLO SMART TV HOTEL E MONITOR SIGNAGE

REQUISITI NECESSARI:

– presenza di connettività Intranet ed internet al server

– presenza di rete strutturata Via Cavo CAT 5 o superiore in tutte le camere su stessa rete del server

– esistenza di alimentazione continua ai TV nelle camere

– Nel caso di trasmissione anche dei canali Via IP è necessario avere una infrastruttura di rete adeguata con switch con snooping IGMP e Layer 2. La centrale dovrà creare flussi Multicast con range IP: 224.0.0.0 to 239.255.255.255

 

PER RESPONSABILE IT-RETE

  • Predisporre un collegamento alla rete con IP statico per il Server di gestione dei TV / Monitors, Lasciarlo collegato alla rete internet per eventuali collegamenti da remoto via Teamviewer.
  • Collegare alla stessa rete sia i TV / Monitors che il server
  • IN CASO di server Virtuale: abilitare il lettore della porta USB per condividere, importare ed esportare i file di configurazione. (S.O. Windows Server 12 / 16 a 64bit con desktop remoto almeno 250 Gb HD Ram 4 GB e processore min 3 Ghz)
  • Suggeriamo l’utilizzo di indirizzi IP statici anche per i TV / Monitors per agevolare gli aggiornamenti e la manutenzione. In caso di utilizzo del DHCP sui TV raccomandiamo una Tabella routing e il tempo di Lease il piu lungo possibile.
  • Suggeriamo di lasciare aperte le seguenti porte sul server di gestione: 80 – 8080 – 5000 – 5005 – (8082 – 21 – 2121)

 

I TV DEVONO SEMPRE ESSERE MESSI SOTTO TENSIONE: dal 2008 sono dotati di auto spegnimento qualora non rilevano l’uso del telecomando. Il posizionamento dell’alimentazione sotto corrente con Relè compromette drasticamente le funzionalità sia dei TV che dell’aggiornamento da server.

TIPOLOGIA DI CABLAGGIO

In Europa la norma che regola i parametri standard cui attenersi i cavi è la EN50288.
Secondo la norma i cavi di tutte le categorie devono avere un’impedenza di 100 + o – 5 Ohm a 100 MHz di frequenza.

Categorie di cavi:
Cat 5, 5e, 6; Cat. 6; Cat. 7; Cat. 7A